Filippo Castiglione

  • PDF

Filippo Castiglione si è laureato in Scienze dell’Informazione all’Università Statale di Milano nel Luglio del 1993. Studente Erasmus all’Università di Amsterdam (1991).

Ha lavorato per un anno per la ST-Microelectronics nella sede di Catania (1997).

Poi ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in Informatica all’Università di Colonia in Germania nel Maggio 2001.

È stato Visiting Research all’IBM T.J. Watson Research Center a Yorktown negli USA (2 settimane nel 1996), al Department of Molecular Biology della Princeton University negli USA (2 settimane nel 1996), al System Biology Department della Harvard Medical School a Boston (3 mesi nel 2001) e infine all’Institute for Medical Bio-Mathematics a Tel Aviv, Israele (un anno, 2001-2002).

Attualmente è Primo Ricercatore all’Istituto per le Applicazioni del Calcolo del Consiglio Nazionale delle Ricerche (dal 2002) e si occupa di complex systems, modeling of biological systems, immune system, bioinformatics, pattern recognition, high-performance computing. Responsabile di un gruppo di lavoro composto da circa 5 persone.

Filippo (dal 2016) è anche professore a contratto al dipartimento di Matematica e Fisica dell’Università di Roma Tre e insegna Biologia Computazionale.

Egli ha pubblicato 1 libro e circa 90 articoli su riviste internazionali e atti di congresso.

È stato Principal Investigator di due progetti Europei e sta attualmente coordinando un progetto Europeo sulla modellistica per il diabete (finanziamento complessivo circa 2Ml euro).

Ha lavorato in qualità di valutatore di progetti per la Commissione Europea (7 programma quadro nell’area ICT for Health) dal 2009 al 2013. È spesso chiamato a valutare progetti di ricerca di varie agenzie internazionali.

Ha ricevuto onorari di consulenza da Sanofi Pasteur SA (Lione, Francia) e F.Hoffmann-La Roche Ltd (Basilea, Svizzera).

È affiliato a diverse società scientifiche. Ha servito come reviewer per una cinquantina di riviste internazionali e per una decina di conferenze internazionali. È membro di un paio di comitati editoriali di riviste internazionali. Ha curato due sezioni per altrettante enciclopedia scientifiche della Springer Verlag.

Lingue straniere conosciute: Inglese (fluente), Tedesco (scolastico), Francese (scolastico)

EVENTI ANNO ACCADEMICO IN CORSO