Giuseppe Pugliese "Gli aspetti molecolari delle complicanze del diabete" - 7 dicembre 2017 ore 17.00

  • PDF

 

Giuseppe Pugliese, Ordinario di Endocrinologia, Sapienza Università di Roma

"Gli aspetti molecolari delle complicanze del diabete"

Classicamente, le complicanze del diabete comprendono le complicanze microvascolari e quelle macrovascolari, che si ritiene condividano meccanismi patogenetici comuni legati principalmente all’iperglicemia cronica, sebbene anche altri fattori giochino un ruolo. L’iperglicemia innesca una serie di alterazioni di natura sia emodinamica che metabolica. Queste ultime vengono fatte risalire ad un’aumentata produzione mitocondriale di superossido, innescata da un aumentato flusso di glucosio attraverso la via glicolitica e il ciclo di Krebs. A sua volta l’eccesso di superossido innescherebbe una serie di vie metaboliche che conducono al danno tissutale e comprendono l’attivazione della via dei polioli e delle esosamine, l’attivazione della protein chinasi C, la formazione di prodotti avanzati della glicazione non enzimatica o AGE e lo stress ossidativo. Oggi questa visione viene messa in discussione e la produzione di specie reattive dell’ossigeno viene considerata piuttosto un evento a valle, soprattutto alla formazione di AGE e all’interazioni di questi con il recettore RAGE. Gli AGE hanno acquisito negli anni un’importanza crescente, grazie a nuove evidenze sui meccanismi recettore-mediati che coinvolgono diversi recettori e diversi sistemi molecolari bersaglio, tra cui p66shc e l’inflammasoma NLRP3. Sono stati inoltre proposti nuovi approcci farmacologici atti a sequestrare gli AGE o i loro precursori, tra cui la carnosina e i suoi derivati.


EVENTI ANNO ACCADEMICO IN CORSO